www.associazioniduesicilie.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il sogno di Bentinck (dopo il disastro siciliano): Genova all'Inghilterra!‏

E-mail Stampa PDF

CASERTA - Dopo aver miseramente fallito nel suo progetto di dominio della Sicilia, Lord William Bentinck, non esitò a tentare di inglobare nei dominions di sua Maestà britannica nientemeno che la secolare repubblica di Genova, già morta a causa dell'occupazione napoleonica (e prima ancora consumata da secoli di crisi e immobilismo politico). L'Inghilterra aveva trovato la strada spianata in Sicilia e in Sardegna dove la corte borbonica e quella sabauda non avevano esitato ad aprire le porte dei governi locali nell'ottica della alleanza anti francese per la riconquista dei rispettivi regni. In una situazione del tutto particolare e delicata si trovavano i popoli degli stati italiani che erano formalmente spariti dalla mappa politica d'Europa con le invasioni napoleoniche ed erano, per di più, privi di rappresentanti o monarchi che potessero reclamare, protestare ufficialmente, pretendere.

Leggi tutto...
 

Il 90° compleanno della Principessa Carmen di Borbone - Due Sicilie

E-mail Stampa PDF

S.A.R. la Principessa Maria del Carmen di Borbone delle Due Sicilie (al collo il foulard celebrativo dei 50 anni dell'Associazione Ex Allievi Nunziatella)

CANNES – Un compleanno napoletano, almeno in parte, per la Principessa Carmen di Borbone delle Due Sicilie che ha trascorso il suo 90esimo genetliaco nella sua residenza privata in Provenza assieme a parenti e amici. Un appuntamento familiare a cui non sono mancati ospiti regnicoli. La Principessa Maria del Carmen è la sorella del compianto Principe Ferdinando, padre dell’attuale Capo della Real Casa di Borbone Due Sicilie, il Principe Carlo Duca di Castro, e figlia di Ranieri (nipote, dunque, di Alfonso Conte di Caserta).

Leggi tutto...
 

5 luglio 1830, lo zolfo siciliano va a Parigi

E-mail Stampa PDF

CASERTA - "FERDINANDO II per la grazia di dio re del regno delle due sicilie, di gerusalemme ec. duca di parma, piacenza, castro ec. ec. gran principe ereditario di toscana ec. ec. ec.

Dovendosi stipulare il contratto di società con la compagnia Taix Aycard e Comp. per lo spaccio degli zolfi de’nostri reali dominii di là del Faro; Abbiamo risoluto di decretare, e decretiamo quanto segue: art. 1. Il nostro Ministro Segretario di Stato degli affari interni è autorizzato ad intervenire nel nostro real nome alla stipula dell’anzidetto contratto. art. 2 Lo stesso nostro Ministro è incaricato della esecuzione del presente decreto.

Firmato, FERDINANDO.

Il Ministro Segretario di Stato degli affari interni.

Firmato, Nicola Santangelo.

Il Conigliere Ministro di Stato Pres. Interino del Cons. de’Ministri.

Firmato, Marchese Ruffo.”

Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Luglio 2014 19:23 Leggi tutto...
 

Giuseppe Tardio e la rivolta di Campora (SA) del 3 giugno 1863

E-mail Stampa PDF

BIELLA - Nel 1863, la popolazione di Campora (SA), un piccolo paese del Cilento definito dal procuratore generale del re Savoia presso la Corte di Appello di Napoli "covo di bruti picchè uomini", fu protagonista di una rivolta antiunitaria, che a tutt’oggi è sconosciuta agli stessi abitanti del paese. La notte di Campora vide protagonisti da una parte di cittadini e dai cosiddetti "briganti", uomini che avevano creduto e lottato per un’Italia migliore che la monarchia sabauda non seppe dare. Con l’unità d’Italia ci furono tasse fino allora sconosciute e il servizio militare obbligatorio. In questo clima, nacque una
reazione, una resistenza contadina all’unità italiana, che sfociò in quel movimento di protesta sociale definito — dagli storici detrattori del Meridione — "brigantaggio".

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Giugno 2014 18:52 Leggi tutto...
 

La fortificazione della piazza di Messina e le Martello Tower. Il piano difensivo anglo siciliano nel 1810

E-mail Stampa PDF

MESSINA - The presence of the British Army in Sicily during the years of the Napoleonic Wars has deeply marked the history of the island. There are many fortifications still visible, testifying to the British effort to defend Sicily against any possible military aggression. The present work is the result of various studies and research, with the specific objective of documenting and cataloguing the large fortified heritage of the city of Messina, currently undervalued and usable. In particular, the focus is on 1810, an important year for the central project of building fortifications around the Piazza of Messina, as well as the vain attempt to make an amphibious landing on the coast of Sicily, organised by Joachim Murat.

Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Luglio 2014 15:09 Leggi tutto...
 

La rivoluzione (breve) nel 1820 a Napoli

E-mail Stampa PDF

CASERTA - E’ un uomo magro con i capelli neri quello che si aggira nella notte tra il primo e il due luglio 1820 a Nola, appena fuori le caserme militari dove dimorano i soldati del Re di Napoli. Si tratta di Michele Morelli, sottotenente nel reggimento di cavalleria Real Borbone di stanza nel comune della Terra di Lavoro. Ufficiale con il “vizietto” della carboneria, ambiente massonico e segreto in cui era entrato negli anni della giovinezza quando, a 16 anni, serviva nell’esercito dell’occupante francese. Un vizietto che la politica dell’amalgama voluta da Ferdinando di Borbone, al suo rientro a Napoli dopo la chiusura del congresso di Vienna, aveva tollerato e non visto.

Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Luglio 2014 19:06 Leggi tutto...
 

Il centesimo numero de L'Alfiere

E-mail Stampa PDF

NAPOLI - L'Alfiere  è giunto al centesimo numero nel segno della tradizione e nella linea dell'avv. Silvio Vitale.

A Napoli, il 14 giugno 2014, ore 17,30 si svolgerà un convegno a Palazzo San Teodoro, Riviera di Chiaia n. 281
In difesa del Sud, della  verità storica e della dignità dei popoli delle Due Sicilie

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Giugno 2014 18:08 Leggi tutto...
 


Pagina 20 di 37

 46 visitatori online
Tot. visite contenuti : 643004

 

Le Associazioni della Rete:

 

Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie

 

Comitato Storico Siciliano

 

Associazione Legittimista Trono ed Altare

 

Comitato Storico della Lombardia


E’ vietata la riproduzione non autorizzata anche parziale dei testi, nonché la diffusione delle notizie e delle foto riportate, ai sensi della Direttiva 2001/29/CE recepita in Italia con D.lgs del 9 aprile 2003 n. 68