www.associazioniduesicilie.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Lezioni di storia L'ospedale borbonico di Giarre (CT)

L'ospedale borbonico di Giarre (CT)

E-mail Stampa PDF

Diverse ricerche su internet, la consultazione di testi antichi ed il ricorso alla memoria popolare ci hanno consentito di riportare all'attenzione del pubblico, questo importante edificio di epoca borbonica. San Giovanni Montebello è una piccola frazione di collina del popoloso comune di Giarre(CT). Nel passato questo piccolo paese, grazie alla sua posizione amena, era meta della borghesia di Acireale che amava trascorrere in quelle zone, i periodi di villeggiatura.

Molto probabilmente, sono stati proprio queste importanti persone a fare pressioni, affinchè si costruisse questo ospedale che avrebbe consentito loro le dovute cure in caso di necessità.
Infatti tale struttura ospedaliera risulta la prima in assoluto dell'hinterland giarrese (considerato che il S. Isidoro di Giarre, ancora oggi parzialmente utilizzato, fu completato solo nel 1866 anche se siamo certi che il progetto fosse borbonico)
L’ospedale era retto da una commissione amministrativa formata da tre deputati.


L'edificio si trova alle spalle della Chiesa di S.G. Battista

In un antico testo abbiamo trovato altri cenni sulla struttura che confermano quanto scritto sopra ed in particolare abbiamo scoperto che esiste un Real Decreto di Ferdinando I di Borbone, datato 17 giugno 1823, che da il regio assenso all'apertura dell'ospedale:



Davide Cristaldi

(Storia cronologica dei Vicerè Luogotenenti e Presidenti del Regno di Sicilia di Giovanni E. Di Blasi - Stamperia Oretea - PALERMO - 1842)
L'ospedale borbonico di Giarre (CT)
 

 60 visitatori online
Tot. visite contenuti : 588833

 

Le Associazioni della Rete:

 

Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie

 

Comitato Storico Siciliano

 

Associazione Legittimista Trono ed Altare

 

Comitato Storico della Lombardia


E’ vietata la riproduzione non autorizzata anche parziale dei testi, nonché la diffusione delle notizie e delle foto riportate, ai sensi della Direttiva 2001/29/CE recepita in Italia con D.lgs del 9 aprile 2003 n. 68