www.associazioniduesicilie.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Lezioni di storia Capitano Raffaele D'Agostino

Capitano Raffaele D'Agostino

E-mail Stampa PDF

Raffaele D'Agostino

Augusta(SR) 1/1/1836 - Napoli 13/11/1883

Capitano di II Classe


Figlio del maggiore Francesco D'Agostino, del 3°reggimento Principe, che morì combattendo alla testa del suo battaglione davanti Palermo l'8 maggio 1849.

 

Dal suo matrimonio con Maria Marra era nato Raffaele, che alla morte del padre aveva 13 anni.

Un anno prima era stato ammesso al collegio militare di Pizzo Falcone a pagamento, il Re gli fece continuare gli studi gratuitamente e nel 1857 fu promosso alfiere.

Nel 1859 fu trasferito alla batteria nr. 10 comandata dal capitano Sanvisente.

Nelle giornate del maggio del 1860 a Palermo, con una sezione di batteria, si segnalò talmente per coraggio e perizia militare da essere decorato con la Croce di diritto di S. Giorgio ed i 4 luglio promosso I° Tenente per merito.

Il 1 agosto il conte di Caserta lo prescelse come suo aiutante di campo, e in quel giorno fu promosso capitano di II classe, il 1° settembre ebbe il grado successivo e, a Caiazzo e sul Volturno seguì sempre il principe, ottenendo la Croce di Francesco I perché: "Pur non essendo chiamato al combattimento chiese di parteciparvi con grande coraggio e senso dell'onore".

Alla resa di Gaeta, rientrò a Napoli, subì col fratello, ex capitano dei cacciatori, più volte l'arresto e la prigione per presunta cospirazione.

Fonte: Comitato Storico Siciliano

 

Capitano Raffaele D'Agostino
 

 82 visitatori online
Tot. visite contenuti : 594508

 

Le Associazioni della Rete:

 

Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie

 

Comitato Storico Siciliano

 

Associazione Legittimista Trono ed Altare

 

Comitato Storico della Lombardia


E’ vietata la riproduzione non autorizzata anche parziale dei testi, nonché la diffusione delle notizie e delle foto riportate, ai sensi della Direttiva 2001/29/CE recepita in Italia con D.lgs del 9 aprile 2003 n. 68