www.associazioniduesicilie.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Rassegna stampa Ricordata la battaglia a difesa della Cittadella di San Raineri (Gazzetta del Sud)

Ricordata la battaglia a difesa della Cittadella di San Raineri (Gazzetta del Sud)

E-mail Stampa PDF

Le foto esposte nella conferenza sono di Armando Donato Mozer
Messina - 13 marzo 2010

Era la più importante fortezza del Mediterraneo, costruita nel XVII secolo a difesa della città(nonostante la versione storica ufficiale sostenga il contrario).
Adesso continua a guardare Messina dalla Falce e chiede aiuto soffocata com'è dal degrado.
E' la storia della Real Cittadella.

Sabato è stato il centoquarantanovesimo anniversario della battaglia a difesa della fortificazione che vide capitolare assieme al regno borbonico di fronte all'esercito piemontese.Una ricorrenza celebrata con una serie di iniziative promosse dal Circolo del Buongoverno e dal comitato costituito dalle delegazioni cittadine del Sacro Militare Ordine Costantiniano di S.Giorgio, del Comitato Storico Siciliano, dell'Associazione culturale Neoborbonica, dell'Istituto Italiano dei Castelli, dell'Associazione Amici del Museo e dell'Associazione culturale "Generale Fergola".

A partire da venerdì, infatti, nelle chiese di S.Caterina e S.Maria Alemanna, si sono svolti diversi incontri per commemorare la battaglia, fino alla conferenza di ieri, tenuta da Franz Riccobono per tracciare un profilo storico della Real Cittadella dal 1861 ad oggi.
Un secolo e mezzo in cui la fortezza progettata dall'architetto fiamingo Carl Grinemberg si è trasformata da luogo simbolo di difesa a emblema dell'indifferenza delle istituzioni e degli stessi cittadini."Stando a quanto racconta la storiografia ufficiale, la struttura fu eretta contro i messinesi in seguito alla rivolta antispagnola del 1674 - ha spiegato Riccobono -. In realtà il progetto di una fortificazione era stato già previsto: la Real Cittadella fu soprattutto baluardo di difesa della città".

Da quasi un secolo, come si sa, la roccaforte versa nel completo abbandono, prima demolita in più parti e poi "trasformata nella pattumiera di Messina"
Parole sottolineate dalle fotografie che hanno mostrato lo stato attuale della Cittadella, svilita dall'ecomostro dell'inceneritore, occupata abusivamente come abitazione e trasformata in discarica."Eppure basterebbe un'operazione di pulizia per riconsegnarla alla fruizione pubblica, anche come sede di eventi culturali".Nel corso della conferenza, un accenno è stato fatto anche al progetto del CDAC della Sopraintendenza, vanificato dopo la perdita dei finanziamenti(11 milioni di euro dell'Unione Europea).

Un progetto secon
do Riccobono non adatto alle caratteristiche della fortezza: "Un monumento insigne di architettura militare senza eguali che potrebbe essere semplicemente museo di se stesso". (Roberta Cortese)

Fonte: Comitato Storico Siciliano

 

Ricordata la battaglia a difesa della Cittadella di San Raineri (Gazzetta del Sud)
 

 66 visitatori online
Tot. visite contenuti : 568604

 

Le Associazioni della Rete:

 

Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie

 

Comitato Storico Siciliano

 

Associazione Legittimista Trono ed Altare

 

Comitato Storico della Lombardia


E’ vietata la riproduzione non autorizzata anche parziale dei testi, nonché la diffusione delle notizie e delle foto riportate, ai sensi della Direttiva 2001/29/CE recepita in Italia con D.lgs del 9 aprile 2003 n. 68